martedì 18 dicembre 2007

aspettando l'esame

Mi trovavo in facoltà per studiare un po'. Avevo il mio bel manuale di lineamenti di scienza politica di Fisichella. Sottolineavo. Scrivevo. Memorizzavo. Capivo...Quando ad un certo punto i miei occhi si fissano su un unico pensiero, che ora riporterò così come è scritto nel testo:

Che ci siano sempre state guerre non implica affatto che ci siano state tutte le guerre che avrebbero potuto esserci. Molte guerre che avrebbero potuto esserci non ci sono state, perchè sono state soffocate prima che scoppiassero. La storia ci insegna tanto che gli uomini hanno fatto le guerre quanto che non le hanno fatte. La guerra è un evento non necessario, ma possibile. (...) ...non esistono ragioni conclusive e definitive per affermare che la guerra sia deterministicamente iscritta nel "codice genetico" dell'umanità.

14 commenti:

Cassa ha detto...

Il fatto che abbia nevicato spesso non significa affatto che abbia devicato tutte le volte che avrebbe potuto nevicare. Molte nevicate avrebbero potuto esserci ma non ci sono state, perché il vento ha portato via le nuvole prima che nevicasse. La meteorologia ci insegna tanto che dalle nuvole, in giornate fredde, ha nevicato, tanto che non ha nevicato. La neve è un evento non necessario, ma possibile...non esistono ragioni conclusive e definitive per dire che la neve sia deterministicamente iscritta nelle leggi della natura.

Non mi convince molto il suo modo di argomentare...

Daniel ha detto...

Per me invece è un'osservazione molto saggia che mette in guardia dalle teorie formulate per induzione anziché per deduzione.

Ma ancora più interessante è la vena di ottimismo che in parole spicciole dice che poteva andare peggio e che in futuro non è detto che si ripetano le cose del passato.

Cassa ha detto...

Secondo me è un ragionamento capzioso.

E l'ottimismo non è proprio il mio pane...

Juliet ha detto...

io non capisco perchè nel concetto di politica(preso in maniera pura)la guerra sia inevitabile e la pace sia solo la pausa tra una guerra e l'altra...l'ottica dovrebbe essere diversa.

Cassa ha detto...

Perché gli uomini sono cattivi, naturalmente.

Juliet ha detto...

hai una visione discutibilmente hobbesiana...mai sentito parlare anche di locke?

cassa ha detto...

Sì che ne ho sentito parlare. Ma non per questo sono d'accordo con lui. La sua teoria mi sembra ad hoc per dare basi teoriche al liberalismo. So che la stessa critica è reversibile contro Hobbes, ma se uno ha ragione l'ha indipendentemente dal motivo per cui sostiene una tesi.

Juliet ha detto...

non credo che sia questione di ragione o torto, ma di punti di vista..comunque non condivido la tua opinione ma la rispetto..l'importante , solo in qst casi, è parlarne.

Ammiraglio Vlad ha detto...

1 Se CERTE guerre che potevano scoppiare NON SONO SCOPPIATE non implica che TUTTE le guerre che sono scoppiate potevano NON SCOPPIARE.
Questo è un ragionamento logico, e fin qui ci siamo. Su questo NEGO la tesi di Juliet.

2 DISTINGUO sulla tesi di Cassa che l'Uomo è un animale cattivo e che le guerre scoppiano perché l'uomo è cattivo.
Le guerre scoppiano perché l'Uomo è stupido e non cattivo, anche se un contesto di guerra può portare l'individuo, no l'uomo, a compiere azioni cattive.

3 Una domanda, senza conflitto ci può essere storia?

4 CONCEDO e rilancio l'affermazione di Juliet "... l'ottica dovrebbe essere diversa..." però le ricordo anche che Polemica e Politica hanno la stessa radice semantica nella mitologia greca, Polemos era il demone della guerra (probabilmente della guerra civile), padre di Alala, che era il grido di battaglia.

Nomina sunt aut non sunt consequetiam cusamque rerum?

(Scusate ma mi piace sfoggiare la mia inutile e pittoresca cultura di reminescenze liceali, mi fa sentire stupidamente figo.)

Ammiraglio Vlad ha detto...

Ecco scusate Polis non è Polemos gaffe tremenda, la prossima volta sto zitto.

Ammiraglio Vlad ha detto...

Però ci stava, facciamo che è Pollo la radice semantica e siamo tutti amici come prima. (Tentativo patetico Vlad)

Eleanor ha detto...

beh, vlad, effettivamente fa FIGO la reminescenza liceale.....vero juliet?

cmq i miei complimenti, alti livelli di retorica su questo blog, caspiterina.
(retorica non sta per polemizzare o ironizzare, è che mi sembra il termine più adatto nella nebbia lessicale della mia stanchezza):P

eleanorsblog.ilcannocchiale.it

Ammiraglio Vlad ha detto...

Eleanor cerca di capirmi, esame di informatica e tre quarti d'ora al freddo in stazione riducono in questo stato qualsiasi lupo di mare per quanto idiota possa essere.

Raffaele ha detto...

Mi pare una ottima smentita dell'uso del determinismo in certe vicende umane...

ps. oggi non sono scomparso: è mancata la corrente per 3 ore...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...