giovedì 3 gennaio 2008

Aborto...avevo detto che ne avrei parlato

Vedendo l'attenzione che avete riservato al post precedente ho pensato di approfondire un po' la cosa. Premetto che sono d'accordo al diritto per la libertà di scelta...ho pensato opportuno farvi capire perchè per me è impensabile. Riporto le principali tecniche di aborto praticate evitando le immagini perchè troppo crude.

TECNICHE ABORTIVE

1) CHIRURGICHE :
a) aspirazione (si introduce nell'utero un tubo collegato ad un potente aspiratore (20 volte più di un comune aspirapolvere). Il corpo viene lacerato, ed il tutto è succhiato e maciullato. Solitamente usato per embrioni inferiori ai tre mesi.)

b) embriotomia (si introduce un cucchiaino aguzzo ricurvo col quale si taglia a pezzi l'embrione, e poi si procede col raschiamento dell'utero. Più praticato nei primi tre-quattro mesi di vita).

c) isterotomia o aborto col taglio cesareo (fino al taglio del cordone ombelicale, del tutto uguale ad un parto per taglio cesareo)

2) FARMACOLOGICHE:
Vi sono infine metodiche di uccisione per avvelenamento: l'embrione viene raggiunto da sostanze chimiche irritanti, che generano un'indicibile sofferenza, spasmi e contorsioni, determinando una morte lenta e dolorosa.

3)ABORTO PER PARTO PARZIALE:
L'aborto per parto parziale comincia quando il dottore prende con una pinza il bambino dal ventre materno. Quando i piedi del bambino sono fuori dall'utero, l'abortista lo prende con le sue mani e lo tira fuori, come se si trattasse di un parto naturale, però assicurandosi che esca con i piedi. Quando il bimbo è fuori con il corpo ma la sua testa è ancora dentro il ventre materno, l'abortista gli trafigge la nuca con delle forbici. Il tutto termina quando l'abortista, mediante una sonda, aspira la massa encefalica del bambino che, durante tutto il processo, ha agitato il suo piccolo corpo per cercare inutilmente di difendersi.

Non ho aggiunto altre immagini perchè davvero erano troppo, troppo, troppo crude...

PS: il feto della foto è di quasi tre mesi. Se la foto vi disturba provvederò alla rimozione. Tanto la guardate o no le cose così stanno.

11 commenti:

Lele ha detto...

Credo che basti leggere le tecniche per rendersi conto quanto siano "disumane".....!Forse io sono troppo drastico,non so,però per essere arrivati a questo punto.........!

Cris ha detto...

ciao :a me queste cose fanno incazzare.a che punto siamo arrivati!!dove vogliono arrivare questi "dottori"?è tutto contro natura!!qui la medicina,scienza,vogliono arrivare a sostituire dio!!!ma ci pensate dove viviamo!!!senza parole,ma veramente incazzato e disgustato.ciao.brava.

Eleanor ha detto...

la mia prima impressione a vedere la foto è stata di quando vedi un vermicello sul muro, vicino la porta d'ingresso. fa schifo, non hai niente contro di lui, se è abbastanza lontano dal campanello lo lasci lì, altrimenti con un pezzo di carta lo sposti.
ma un'anima, il vermicello, ce l'avrà?
il dolore dovrebbe sentirlo, perchè la natura ce ne ha provvisti come meccanismo di difesa per la sopravvivenza della specie. ma sopravvivenza....ma non parliamo di qualcosa che non vive ancora? non sopravviverebbe da solo, quindi non vive....boh...

però mangio maiale e mucca e agnello.....e loro pure avrebbero l'anima, e sentono il dolore....
e non c'entra col discorso, ma non capisco i vegetariani che mangiano pesce....cos'è, il pesce ha meno diritto ad un'anima di una rana?

ma divago....

io non voglio sostituire dio. però a ben pensarci....in natura, sopravvivono i più forti, i deboli si estinguono....la scienza aiuta quelli che da soli in natura non resisterebbero....io aiuto me stessa che non sono in grado di avere un bambino....

fermo restando chel'immagine mi ha decisamente impressionato.
visto così sembra un piccolo alieno. cmq un "essere", qualcosa che "è", non un oggetto, di sicuro non morto.

e qui non riesco ad andare avanti. dilemma.

Gianluca ha detto...

Ripeto..nessuno vuole sostituire Dio..il problema che in sua assenza c'è chi vuole imporre comportamenti e condanna altre persone, in Suo nome..
Rimango con i miei dubbi..che sono quelli di eleanor e di molti uomini, privi di certezze che continuano ad interrogarsi..
(l'immagine è impressionante come potrebbe essere impressionante magari sapere che è frutto di uno stupro, o affetto da una grave malformazione..lo so gioco sporco ma tant'è..)

Juliet ha detto...

qui non si giudicano le persone, ma l'atto...io non giudico una donna che vuole sottoporsi ad un aborto...e nemmeno il medico che lo pratica(o forse si)...è il gesto che è inpensabile

Morgana ha detto...

Io credo se ne stia facendo troppo una questione religiosa...x un attimo fermatevi..dimenticate di essere "servi del signore"...e pensate alle condizioni delle xsone che compiono quest'atto estremo...IO SONO CONTRO..xò non posso negare che mettere un bambino fra le braccia di una bambina di 13 o 14 anni non va bene...non crescerebbero felici entrambi..quindi in casi estremi...bisogna prendere atto della cosa...pensare oggettivamente...pensare alle conseguenze...alla vita che potrà condurre quest'esserino...e poi decidere x lui...xkè se venendo al mondo deve scontare una pena capitale...tanto vale...lasciarlo dov'è...

Salvatore Mancini ha detto...

Tempo fa,nel mio vecchio blog,scrissi un post che intitolai "15 minuti". Lo posto qui,mi sembra il luogo adatto...

Dicono che la durata media europea di un rapporto sessuale sia di 15 minuti. Emozioni,sensazioni forti,felicità,il sentirsi liberi,il sentirsi innamorati,l'abbraccio con il quale si stringe la propria donna...Sussurrarle "ti amo" guardandole gli occhi...Tutto questo in 15 minuti,incredibile...e poi il lasciarsi andare tra le sue braccia...Si è come in paradiso,e chi ha provato queste emozioni potrà confermarlo...Hai un solo pensiero: 6 felice, e lo 6 sul serio...

Dicono che la durata di un aborto di una gravidanza sia di 15 min. Li in attesa che ti venga aspirata una creatura vivente hai paura,probabilmente ti maledici, ed hai una sensazione dentro che probabilmente non ti lascerà mai: hai un immenso,grandissimo,senso di colpa...Che ti rosicchia all'interno,non puoi vivere...Si è come all'inferno,e chi ha provato queste emozioni potrà confermarlo...Hai un solo pensiero: scusa,figlio mio...

15 minuti per nascere,15 minuti per morire...La vita ha il senso dell'ironia....

Gianluca ha detto...

Ciao. Ti segnalo, ed a tutti coloro che hanno discusso fin'ora l'articolo di Umberto Veronesi su Repubblica di oggi. Focalizza sugli aspetti dell'informazione e dell'educazione..in termini di prevenzione si può fare molto ma fin'ora ho sentito solo parlare di "mettere mano alla legge". Insomma si sente odore di proibizionismo e di reazione (vedi obiezione di coscienza dei farmacisti cattolici)
Blog stimolante..posso linkarti?
buona giornata

Juliet ha detto...

@morgana: questione religosa???chi ha mai parlato di dio???questa è una questione umana!!! la legge deve esserci perchè c'è chi non la pensa come me e trova l'interruzione di gravidanza un gesto fattibile...ma non deve essere ipocrita...è un omicidio!

@salvatore: complimenti belle parole...hanno lo stesso effetto della frase : mamma perchè mi uccidi?

@gianluca: vada per lo scambio di link...ho già provveduto

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Cosa è più impensabile? L'aborto o gettare il bimbo in un cassonetto? Venderlo o abortire?

Certo non è una scelta facile e andare verso tecniche com la RU486 sembra permettere sarebbe più civile.

Certo, sono tecniche dure proprio per questo la scelta di una donna che decide di abortire va rispettata e non criticata e strumentalizzata.

E ovviamente, prevenire con i contraccettivi è la strada migliore.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

ERRATA CORRIGE: CERTO ABORTIRE NON è una scelta facile ecc...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...