sabato 15 marzo 2008

Se nessun partito ti rappresenta, cosa fai?

Stiamo tutti aspettando aprile pensando la stessa cosa: CHE FACCIO ALLE ELEZIONI???
Ci sarà chi voterà, chi lascerà la scheda bianca (facendo il più grosso errore secondo me), chi la renderà nulla con un simpatico disegnino o un complimento particolare ai politici, e ci sarà chi non si riconoscerà in nessun partito.
Basterà protestare! Lo prevede la legge nel Testo Unico delle Leggi Elettorali D.P.R. 30 marzo 1957, n 361.

L'Articolo 104 punto 5 prevede che "Il segretario dell'Ufficio elettorale che rifiuta di inserire nel processo verbale o di allegarvi proteste o reclami di elettori è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000."

Dovrete soltanto andare a votare, presentandovi con i documenti e la tessera elettorale e farvi vidimare la scheda.
Dopo basterà esercitare il proprio diritto di rifiutare la scheda, magari dicendo: Rifiuto la scheda per protesta, e chiedo che sia verbalizzato.
Dovete pretendere che venga verbalizzato il rifiuto della scheda.
Avete anche il diritto di aggiungere al verbale una motivazione che giustifichi il vostro rifiuto, come: Nessun partito e nessun politico mi rappresenta.

Almeno così il vostro voto non sarà né nullo, né bianco e né disperso o conteggiato per il partito che otterrà più voti.

Mi informerò ulteriormente su questo argomento, mi è arrivato come pulce all'orecchio e l'ho verificato superficialmente, ma vi farò sapere...ad ogni modo...è bello protestare senza uscire dai limiti della legalità...non hanno nulla da obiettare.

18 commenti:

Domenico Letizia ha detto...

sono contento che la mia e-mail sta girando, è uguale a quella che sto inviando io!!
cmq per tutte le informazione anche per te juliet che ho capito che vuoi approfondire basta che vai sul forum di marco travaglio.

Domenico Letizia ha detto...

vorrei ricordare però, che chi non va proprio a votare come me che non riconosce il sistema dei partiti non commentte alcun reato. Non votare non è reato.

Eleanor ha detto...

la nostra robin hood dell'informazione!!!

Juliet ha detto...

@domenico: a me non è arrivata nessuna mail, studiando ci sono inciampata e poi ho dato un'occhiata in giro...

@eleanor: si ma solo se sono come ql della disney però

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Tutto corretto io ho una mail di un mio amico blogger al riguardo e cmq farò un post spiegando il tutto in prossimità della data fatidica

Io farò proprio in questo modo.

Raffaele ha detto...

Ti preannuncio però che, siccome il Presidente e il Segretario di seggio notoriamente non sanno un cazzo di niente di ciò che loro compete, sarà probabilmente una odissea per te concretizzare questa volontà!

Potrebbe scatenarsi una forte protesta per il rallentamento delle operazioni di voto e potresti anche essere allontanata, nella peggiore delle ipotesi, dalle forze pubbliche.

Te lo dico perché quando i funzionari non sanno le cose diventano aggressivi e più irascibili del solito!

Domenico Letizia ha detto...

certo si possono anche incazzare e poi si beccano i 40.000mila euro di multa.
.zzi loro!

Juliet ha detto...

d'accordo con domenico...e male che va nn voto.

sR ha detto...

questa non la sapevo

Salvatore Mancini ha detto...

io suggerirei di andare a votare..è un nostro diritto,in passato ci si è battuti per poterlo fare...votate da chi vi sentite più rappresentati,non fa niente se è un partito minuscolo e non conosciuto.. e a Juliet rinnovo l'invito di guardare Braveheart.. :)
Un saluto a tutti..

Domenico Letizia ha detto...

a tutti quelli che rispondono è un diritto andare a votare voglio fare una domanda.
Perchè il popolo italiano non è andato a votare al referendum sulla fecondazione assistita? allora non era un diritto?? non dico che non dovevano votare si o no ma non ci sono andati proprio attuando una sorta di protesta.......allora dico io perchè dovremmo votare?? perchè votare? perchè chi non crede nei partiti dovrebbe votare?? come hanno protestato i cattolici al referendum protestiamo anche noi contro le istituzioni, almeno non siamo partecipi del genocidio culturale, politico ed economico che le forze politiche di tutte il mondo sono protagoniste.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER RAFFAELE: io mi porto la legge e se fanno proteste faccio intervenire le forze dell'ordine che sono al seggio

O fanno così o li denuncio e siccome si rischia fino a 4 anni e una multa salata ci penseranno un po'...

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Ed aggiungo che se le forze dell'ordine non fanno rispettarea la legge chiamo i giornali e denuncio anche loro.

Salvatore Mancini ha detto...

a Domenico: riguardo la fecondazione assistita, se non ricordo male il non votare in realtà corrispondeva ad una scelta ben precisa di carattere booleano..ma anche se così non fosse,non è detto che sei si sbaglia una volta si debba continuare a farlo..In sostanza rispetto la tua opinione,ma non la condivido..ma a chi la pensa come te,dico: l'importante è non lamentarsi successivamente dell'operato di Tizio e Caio,chiedo coerenza,è troppo facile poi criticare..

Domenico Letizia ha detto...

no, invece è nostro diritto lamentarci.
se non crdiamo nelle istituzioni il nostro compito sta nel far uscire le contaddizione che rendono le istituzioni criminali.
il non votare e far politica movimentista questò è lo slogan

Raffaele ha detto...

Daniele, io non conosco bene i termini della questione e soprattutto non sono in condizione di sapere se ci sono state dispute e precedenti giuridici in tema.

Se non l'hai già fatto, ti consiglio di rivolgerti a un avvocato per informarti su questi aspetti indispensabili da conoscere prima di sporgere una denuncia.

Sul merito della protesta, ne capisco le ragioni (e le approvo in pieno) ma non mi sembra la contromisura più adeguata, soprattutto perché penso che il non voto alle politiche possa produrre conseguenze conseguenze istituzionali gravi (il ritorno di Berlusconi al potere) e conseguenze politiche nulle (il mantenimento dello status quo, o peggio l'ascesa di leader autoreferenziali sulle ceneri dei leader sconfitti).
La politica funziona male fuori dai meccanismi elettorali, ed è lì che si deve intervenire per curarne i difetti.
Alle regionali e alle provinciali è una strategia sicuramente più convincente, ma alle nazionali no.

Raffaele ha detto...

La politica funziona male fuori dai meccanismi elettorali - ho saltato un pezzo: perché sono i partiti a funzionare male - ed è lì che si deve intervenire per curarne i difetti.

mariad ha detto...

penso che avrai letto quello che penso su questo argomento. Io andrò a votare ed eserciterò un diritto importante, anche perchè io mi sento rappresentata, non in tutto ovviamente, dal pd.
Credo che la protesta ad oltranza non risolva nulla, al massimo si vive un momento di soddisfazione persoanale, soffocato poi da quello che viene fuori dalle urne, che è l'unica sostanziale realtà di cui si terrà conto dopo i conteggi delle schede.
Ritengo cmq assolutamente legittimo agire come meglio si crede: il paese che si delinea dopo il voto è sostanzialmente quello che il paese è sempre stato.
Le elezioni raramente danno origine ai miracoli, specie in Italia
:)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...