mercoledì 30 aprile 2008

Non è così facile come sembra

Una mattina ti svegli col pensiero di finire quel capitolo. Porti fuori dalle coperte tutta la tua forza di volontà e speri di trascinarla viva fino alla scrivania. Ti siedi. Isoli le orecchie dal resto del corpo. Non ti tocca il fatto che tua madre tenga la tv accesa di là, che tuo padre farnetichi con qualcuno giù. E non ti toccano nemmeno gli operai che fanno il loro lavoro alla casa accanto.
Apri quello stramaledetto libro che odi per quante volte lo hai aperto. E mentre sei lì, a un passo dalla fine del paragrafo, ti domandi chi cavolo abbia acconsentito alla stampa di quelle pagine scritte con i piedi. Preferiresti leggerlo in un'altra lingua. Almeno sarebbe giustificato il non capirne una mazza.
Ok pausa. Un po' d'aria farà bene. Poi ci riprovi. Ti dici: stavolta non mi alzo se non ho finito!.....DRIIIIIN DRIIIIIIN ...Il telefono! D'oh!
Ed è pure per te.
La telefonata termina e arrivano un paio di messaggi al cellulare.
Guardi l'orologio ed è tardi. Ti rimane poco prima di dover uscire e allora abbandoni il libro e accendi il pc....in quel momento il tempo prende il sopravvento e passa prima lentamente e poi scorre come una clessidra rotta.....
Dannate distrazioni !!!

Domani me ne vado in biblioteca.

4 commenti:

Morgana ha detto...

Mmmmmmmmm a ki lo dici!!!!!!!!!!!!
Buona fortuna!!!!!!!!! ihihih

Morgana ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Marlene ha detto...

a me succedeva con diritto pubblico...e non c'era biblioteca che teneva ^___^ e tu? in cosa sei inciampata?

joly ha detto...

dannazione...infatti son qui invece che studiare di là.....meglio che me ne vado!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...