mercoledì 17 settembre 2008

evoluzione?..ma de che?

Era tutto normale, il mondo aveva i suoi colori ben distinti, almeno fino a quando la signora Rosa Parks decise di non lasciare il suo posto sull'autobus. In Alabama, come in molti altri posti era così che le cose andavano. I bianchi venivano prima in tutto.
La tv aveva lasciato il bianco e nero, aveva accettato i colori e l'uomo non riusciva a vedere nemmeno le sfumature di grigio.
________________________________________________________________

Se oggi potessi tornare indietro ad una data qualunque di più di dieci anni fa, come il 1990. Racconterei della tecnologia, delle scoperte, dei passi avanti sul materiale.
Siamo passati da un walkman che andava solo a cassette, ad un lettore cd, un lettore mp3 245 kb e un lettore digitale con memoria espandibile... abbiamo visto l'evoluzione del cellulare.
Musica e comunicazione, espressioni dirette di quello che siamo in realtà. Purtroppo si sono evoluti solo gli strumenti. Qui si muore per poco, si aspetta il momento per cancellare un colore che non piace.
________________________________________________________________

Vorrei capire cos'è che spinge le ragazze a non mangiare, a non vestirsi e a non sentirsi per fare le veline.
Non capisco, poi, com'è che lo studio non ti premia.
Non concepisco perchè il potere offuschi la mente delle persone al punto di sopraffare il bisogno comune. Un malcontento generale non creerebbe un disordine difficilmente controllabile?
E poi non riesco a farmi un'idea del come mai le persone non si ribellino alle ingiustizie.
Credete che sia giusto che una persona muoia mentre svolge il suo dovere?
Cavolo non capisco un bel po' di cose.

6 commenti:

calendula / trattalia ha detto...

nessuno pensa che sia giusto morire mente si fa il proprio lavoro, il problema e che è la vita umana che sta perdendo valore.. come hai detto tu se una ragazza preferisce morire per non ingrassare, se si uccide a sprangate un ragazzino di 19 che ha rubato dei biscotti, la vita non vale più una cicca...

Anonimo ha detto...

Scienza e Tecnologia sono strumenti potentissimi, ma da come vengono untilizzate dipendono i loro effetti sulle nostre vite. Si sono evolute le nostre conoscenze ma non si è evoluto il nostro modo di ragionare (se di ragione si può parlare). Credevo che il prezzo di una vita non fosse quantificabile, che la dignità non avesse prezzo, e invece mi sono reso conto che è tutto un gioco al ribasso, si arriva a vendere il proprio corpo per pochi euro e morire per 1 euro e 50 cent... Mi sa che c'è qualcosa che non va

Juliet ha detto...

sono perfettamente d'accordo con te. Rispetto molto la scienza, credo che sia la chiave della conoscenza. Eppure non so perchè credo sia anche colpa sua se la logica umana sia diventata un qualcosa di meccanico.
Si diventa mercanti di noi stessi, ci si vende.
Principi, morale e valori sono cose di altri tempi. Qualcosa non va davvero. Sembra quasi che ci abbiamo fatti col vecchio stampo.

Erica ha detto...

Il progresso delle tecnologie è direttamente proporzionale al regresso dell'uomo...

Juliet ha detto...

non sono d'accordo, la scienza è frutto dell'illuminazione della mente umana, e allora è giusto dire che questa proporzione che si sta verificando è un vero e proprio paradosso.

Alexandro ha detto...

Non ti preoccupare, non sei l'unica a non capire un bel pò di cose ...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...