giovedì 27 agosto 2009

L'ANGELO NERO, di Antonio Tabucchi.

Dallo scaffale della libreria in fondo alla strada tre righe di recensione fanno promesse ai lettori: L'oscura minaccia del male, presenze allarmanti, spettri nefasti, fantasmi pubblici e privati. Un libro gotico e lunare di aspra e misteriosa bellezza.
Potevo io mai resistere? Assolutamente no, mai resistere alla tentazione di un libro!
Mi ha fatto compagnia per qualche giorno dopodiché PUF c'est fini!
Ricordo di averlo aperto a caso la prima votla, e di aver letto:
"io sottoscritto, cognome e nome, desidero rendere piena confessione di tutte le azioni che ho commesso in nome di fraintesa giustizia ispiratami da individui che hanno approfittato della mia semplicità, azioni delle quali ora sono fermamente pentito."
Si tratta di una serie di racconti uniti tra loro dalla presenza di una tentazione malefica dietro ogni angolo.

3 commenti:

calendula ha detto...

non ho mai letto nulla di Tabucchi, ma prima o poi ci riuscirò

Lolitaminuit ha detto...

Minchia, promette bene!!!Quasi quasi me lo scrocco da te!Ahahahhahahahahahahahahahaa!Bacicchi,
Melly

Voxdei ha detto...

Credo lo leggerò, sai?
Grazie del consiglio...Juliet, data la penna felice, perchè non partecipi al Premio Calvino?La scadenza è il 15 ottobre...Su, dai, non fare la timida ;-)

Con affetto,

Ale

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...