lunedì 5 ottobre 2009

felice non è proprio il termine esatto

Come poteva non ricordarsi? che Stupida! Sono uno degli ultimi visi che ha visto...quanti anni sono passati?5, 6?
Un attimo di buio, quasi due mesi di coma e poi un giorno, passando dall'ospedale come al solito, mi dicono che si è svegliato.
Non ci fu il tempo per salutarlo... a stento me lo lasciavano vedere dal vetro... dissero che il nastro con le nostre voci aveva contribuito...
La famiglia lo portò via, in un centro a Chieti.
Il suo telefono era sempre spento. E poi un giorno, qualche anno dopo una telefonata. Era lui che mi diceva con un filo di voce che stava bene, e che gli mancavo. Poi di nuovo il buio.
Come vorrei aver scattato una foto prima che tutto accadesse. Come vorrei poter ricordare di più. Di più di quelle mattine in pullman seduti vicino ad ascoltare musica. Di più di quei pomeriggi a chiacchierare e sorridersi di nascosto. Come vorrei poter ricordare di più... mi sento in colpa per questo.
Finalmente qualche giorno fa lo ritrovo grazie a quel suo cognome strano che i medici facevano fatica a pronunciare e io non perdevo occasione per riprenderli.
Una mail e stasera lui mi chiama.
E parliamo, e io faccio fatica a trattenere le lacrime che nascondo con una risata isterica. Lui mi parla, si vede che fa fatica. Mi racconta di lui. Dice che mi manderà delle foto, allora io gli rispondo che gliene manderò anche io, e poi lui mi risponde che ora è "un po' cieco" ma che c'è qualcuno che legge per lui. Beh, allora vorrà dire che ti descriverò tutto nei minimi dettagli (ma non è lo stesso eh!?).
Davvero ti ricordi di me?
Come poteva non ricordarsi di me? Che stupida... anch'io mi ricorderei l'ultima faccia che ho visto. Me la inciderei a fuoco nella mente.

Poi mi dice che è felice di sentirmi e io gli prometto che andrò a trovarlo...
-Non perdermi più, va bene?
-No, te lo prometto!

Avrei dovuto trovarlo prima...

6 commenti:

Bk ha detto...

Sarà che mi sento emotivo... ma
mi hai fatto venire i brividi...

Veneris ha detto...

in effetti è molto difficile trovare il termine esatto per un simile stato d'animo. L'importante però è che lo hai ritrovato.

calendula ha detto...

l'importante in questo momento, è in assoluto essersi ritrovati, poi piano piano, arriverà il seguito.

Mangy ha detto...

Ora ha trovati nuovi stimoli per continuare ad andar avanti...e glieli hai dati tu...brava! andremo presto a Chieti, te lo prometto io! ^_^

Voxdei ha detto...

Juliet, mi manca l'appuntamento quotidiano con il tuo blog...non posso certamente avanzar pretese di lettura, ma spero di poter trovare sparsi per queste pagine altri frammenti di Juliet...

jyoti ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...