domenica 5 luglio 2015

Allungamento arti inferiori - intro

Cercavo informazioni su questo argomento, ma la ricerca non portava a nulla di esaustivo se non in termini tecnici poco chiari ed inutili ad un possibile paziente. Avendo un problema di dismetria degli arti inferiori, conseguente a cause non genetiche, mi sono rivolta ad un ortopedico per valutare le possibili soluzioni. La schiena, le spalle, il bacino, le gambe, erano compromesse ed il medico mi aveva suggerito un allungamento. L'allungamento non è una pratica nuova, si pensi allo scomodissimo metodo Ilizarov, all'innesto con osso autologo o da banca. Con l'Ilizarov aumenta il rischio di infezione, e va fatta quotidiana manutenzione. L'innesto di osso è come un trapianto che non garantisce stessa solidità del tessuto iniziale. Logicamente ogni caso ha le sue necessità e predisposizioni. A me è stato proposto un chiodo endomidollare allungabile magnetico innovativo, invasivo ma più sicuro. Dopo aver accettato il metodo ed essere stata messa in lista d'attesa per l'operazione, ho cercato in rete tutte le informazioni possibili, ma ho trovato molte riviste mediche e poche testimonianze di esperienze dirette. Mi interessava il punto di vista di chi ci fosse già passato. Volevo sapere del dolore, delle conseguenze, dei tempi, del funzionamento, degli effetti collaterali...non c'era nessun libretto di istruzioni o bugiardino a cui poter fare riferimento. Tutto questo un anno fa.

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...